Sunday September 15 2019
25 Novembre 2013

Teatro in inglese: The Time Machine

tmCome da tradizione, martedì 3 dicembre 2013 i ragazzi delle seconde medie avranno la preziosa occasione di assistere a un divertente e istruttivo spettacolo in lingua inglese presso il Teatro Monterosa.

Ecco la presentazione del testo (fonte: http://www.teatromonterosa.it/):

Lo spettacolo

The Time Machine (La macchina del tempo) racconta l’esaltante storia di un ragazzo e di un suo sogno. Lo spettacolo è ambientato a Londra e Albert, animato dalla curiosità, desidera scoprire quello che accadrà nel futuro. La sua immaginazione è stimolata da una bizzarra macchina costruita dall’eccentrico padre. Tutti pensano che si tratti di un esperimento fallito, ma Albert vuole dimostrare il contrario iniziando la sua avventura nel futuro.

Albert viaggia attraverso la Londra del Novecento, osservando le continue trasformazioni di usi e costumi del suo popolo: dal retropalcoscenico di un famoso Music Hall dove si trova uno dei primi grammofoni, al set dove si sta girando uno dei primi film sonori, ad una sala da ballo del dopoguerra, da un affollato Night Club degli anni ‘60 ad uno studio televisivo dove si sta registrando un quiz, sino alla preparazione di una sfilata di moda negli anni ‘90.

L’avventura di Albert si conclude alla vigilia di un nuovo millennio. A questo punto il viaggio finisce e ritorna al proprio tempo. Entusiasta ed emozionato racconta quello che ha visto e le esperienze vissute, proponendosi di farne tesoro per il suo futuro nella vita reale.

In The Time Machine sono usate tecniche multimediali, con filmati e immagini che illustrano momenti importanti, personaggi indimenticabili, e icone visive associate a un secolo di storia, non solo del popolo inglese, ma di tutti noi.

Così, anche il pubblico è trasportato in questo divertente, ma anche illuminante, viaggio. Un viaggio che ci permette di dare uno sguardo al cinema e al calcio, alla storia e alla moda, al teatro e alla televisione.

Per ulteriori dettagli visitate il sito del Teatro Monterosa

fonte: prof.ssa Marina Perrone

Share this:
Tags: